Residenze: Claudio Beorchia – Le macchine passare

Inaugurati i progetti delle 6 residenze artistiche di Francesca Balducci, Claudio Beorchia, Emmanuele Lo Giudice, Anahi Angela Mariotti, Simone Mulazzani/Valentina Grossi, Monica Pennazzi nel centro storico e la mostra di arti visive e plastiche nella Chiesa di S. Michele Arcangelo. Visitabili fino all’11 ottobre 2020.

Dall’11 al 20 settembre Francesca Balducci, Claudio Beorchia, Emmanuele Lo Giudice, Anahi Angela Mariotti, Simone Mulazzani/Valentina Grossi, Monica Pennazzi hanno lavorato in residenza a Sermoneta, attivando un dialogo fruttuoso e creativo con gli abitanti e cercando di approfondire le dinamiche sociali e culturali nel territorio. Ogni artista ha così avviato un processo di inclusione nel quale il fare artistico diventa strumento di attivazione di connessioni urbane e umane e l’opera d’arte si trasforma da opera dell’artista in opera collettiva e appartenente al “bene comune”. 

Claudio Beorchia presenta il progetto “Le macchine passare”: un lavoro che nasce da un’azione urbana e che si configura nello spazio cittadino attraverso un’audio installazione. L’opera, con leggerezza e ironia, vuole promuovere una riflessione sulla dicotomia fra tempo produttivo e quello, apparentemente, improduttivo. L’azione alla base del progetto è la messa in pratica di un comportamento esemplare, quasi proverbiale del perdere tempo: guardare le macchine passare. Durante i primi giorni di residenza l’artista, a bordo strada lungo le vie di scorrimento più trafficate, guardando le macchine che passano, ha annotato tutte le scritte sui teloni e sulle fiancate dei veicoli. Le scritte, ricombinate seguendo connessioni e rimandi semantici, hanno dato vita ad una serie di brevi poesie che sono state recitate e incise dagli abitanti di Sermoneta. 

Claudio Beorchia – Le macchine passare

Le macchine passare 
Testo poetico 

Musica
la mattina:
qualità nel risveglio.
Il buono prima di tutto. 

All’orizzonte
la riviera: benessere visivo. 

Bel paese:
musica e canto,
della voce e delle arti. 

Bambini, giovani e adulti insieme sulle strade. Buone abitudini. 

La rocca, rustica,
vi aspetterà severa. 

Parchi, giardini e verde pubblico: intimo
fresco, vicino a casa. 

Panorama:
sole, natura e mare; acque alte,
linde. 

A casa,
abbiamo il sole dentro;
senza nemmeno cercare parcheggio. 

Stiamo consegnando un fiore per te.
C’è gioia. 

Osa,
cedi alla tentazione, libera il tuo istinto. 

Scatena l’aperitivo fino all’ultima goccia: tutto il resto è noia. 

Giorno e notte
insegne luminose:
massima visibilità ovunque. 

Video di Roberta Melasecca

Residenze: Claudio Beorchia – Le macchine passare